Emozionarsi per vendere

La simpatia è una delle componenti della buona ricetta per vendere, ed è un’emozione.

L’eccellenza del prodotto o del servizio sono indispensabili, ma alla fine si acquista anche sulla scorta di emozioni. Se il venditore è antipatico o arrogante l’eccellenza di quello che vende passa in secondo piano, anche il prezzo inferiore non è più così determinante.

Quanta parte di emozione c’è in una vendita?

Senz’altro una quantità soggettiva, ogni cliente inserisce la sua quota di stomaco, cuore e pancia. È la famosa “esperienza di acquisto” e le persone la cercano, la bramano.

Empatia e ascolto sono le basi per avere la comunione di emozioni che ci aiuta ad avere il quadro completo delle esigenze del cliente.

Comunque, percepire cosa emoziona il cliente aiuta a vendere e, forse, ci aiuta anche a vivere meglio, perché il cliente è, certamente, umano come noi.